The Swimming Pool Story


C’era una volta un uomo che voleva imparare a nuotare. Andò quindi a comprare un bellissimo costume, una cuffia, un paio di occhialini e un paio di infradito. L’uomo spese molti soldi per comprare tutto il necessario per imparare a nuotare, ci teneva infatti che tutto fosse della migliore qualità. L’uomo trovò dunque un insegnante di nuoto e si accordò con lui per incontrarsi in piscina. Una volta arrivato, l’uomo trovò l’istruttore in acqua che lo invitava ad entrare e tuffarsi.
“Sei matto?” Chiese l’uomo all’istruttore. ”Io non so nuotare, non posso entrare in piscina. Prima insegnami a nuotare, solo allora potrò tuffarmi.”
Siamo così presi dalle nostre vite frenetiche, intrappolati in una battaglia contro quelli che chiamiamo “problemi”, che pensiamo di poter iniziare a vivere solo una volta che questi si saranno esauriti. Spendiamo molti soldi per acquistare cose che useremo un giorno, quando avremo tempo, quando le nostre preoccupazioni saranno finite e le cose si saranno sistemate.
Decidiamo di posticipare la nostra vita a “quando avremo tempo”.
Il nostro viaggio in India ci sta facendo incontrare tante persone straordinarie, tra queste colui che ci ha raccontato questa storia: Sanathanan Ji, il principale maestro del nostro Yoga Teacher Training Course. Prima di iniziare non ci aspettavamo che questo percorso ci avrebbe richiesto di rimettere in discussione il nostro corpo, la nostra mente, la nostra anima, le nostre abitudini, le nostre necessità, le nostre credenze.
Viviamo l’Ashram completamente, dalla meditazione alle 6.00 del mattino, alle preghiere alle 9.00 di sera; dalle lezioni di asana, allo studio della filosofia indiana. Nei ritagli di tempo libero scendiamo in spiaggia a guardare e ascoltare l’oceano.
Più viviamo questa vita, più ci accorgiamo del semplice messaggio che queste persone ci stanno insegnando: Indossare un bel costume non è sufficiente per imparare a nuotare; per imparare a nuotare è necessario trovare il coraggio di tuffarsi.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *